Brindare a Capodanno, bollicine del Centro Italia

Brindare a Capodanno, bollicine del Centro Italia

Scrosciare di bicchieri, bollicine che salgono verso l’alto, abbracci, auguri e pensieri per il futuro. Vi abbiamo descritto in poche parole la classica situazione che siamo abituati a vivere ogni ultimo dell’anno. Ma ci manca ancora una cosa per rendere il quadro completo e veritiero: il vino da bere. Vi abbiamo già dato qualche consiglio in altre occasioni, selezionando per voi alcune etichette del Nord Italia, del Sud e delle isole. A questo punto, ci manca solamente il Centro della nostra splendida Penisola, che non resta assolutamente indietro in quanto a qualità e prestigio.

Iniziamo dal Lazio, precisamente dalla provincia di Roma. Siamo in un vigneto di Zagarolo, dove, con metodo classico, viene prodotto un Tufaio Pas Dosé brut: imbottigliato dall’omonima cantina (Tufaio, per l’appunto), tra i vertici della spumantistica laziale, questo vino ha un perlage molto fine, con sentore di frutta, nocciole e crosta di pane. Il top sarebbe abbinarlo con del baccalà o con del pesce spada, ma se il vostro cenone è a base di piatti della tradizione romana (pasta alla gricia o spaghetti alla carbonara), l’accostamento verrà comunque valorizzato.

Rimanendo sulla costa tirrenica, scendiamo un po’ più a sud, verso la Campania. Metodo “Charmat lungo” e una certa austerità per l’Aglianico Rosé extra dry della Cantina Montesole, vino dal gusto pieno che ricorda, al palato, note di fragoline di bosco e pompelmo. Piacevole ed elegante, va provato con la frittura e, perché no, con qualche salume dal gusto deciso, come un capocollo.

Cambiamo costa e affacciamoci sull’Adriatico. Per le Marche vi proponiamo un Verdicchio dei Castelli di Jesi, Riserva Ubaldo Rosi brut, dell’Azienda Colonnara. Intenso, fresco e penetrante, è il compagno ideale per pasteggiare, specie con risotti di pesce, salumi e crostacei. Nel confinante Abruzzo, invece, di gran livello è l’Aster Bianco extra dry di Ciccio Zaccagnini, un armonico incontro tra un 40% di Riesling Renano, un 40% di Chardonnay e un 20% di Trebbiano d’Abruzzo. Leggero e floreale, vi lascerà senza parole.

Scegliete, brindate e divertitevi. Il 2013 deve essere frizzante!

 


ASPETTA, POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

  1. Brindare a Capodanno, bollicine del Sud e delle isole
  2. Brindare a Capodanno, bollicine del Nord Italia
  3. Brindare a Natale, Capodanno o alla fine del Mondo, ecco le bollicine per tutte le tasche