Design e Prosecco: uso e riuso del tappo di sughero per arredare

Design e Prosecco: uso e riuso del tappo di sughero per arredare

C’è chi lo conserva per ricordare quell’avvenimento importante, chi lo getta senza curarsi della sua esistenza. Poi c’è chi ha fantasia e ne fa un oggetto di design. Stiamo parlando del tappo di sughero, caro soprattutto a quanti amano le bollicine in generale e il Prosecco in particolare, perché capace di custodire sapore, carattere deciso e tratti distintivi del vino.

Su Twitter si trovano svariati esempi di come ci si è ingegnati per dare una seconda vita ai tappi, fino al punto che perfino alcuni designer hanno realizzato sgabelli, tavoli, lampade ispirati al necessario zaffo.

Abbiamo pensato di raccogliere parte di queste idee: sappiamo che apprezzerete.

 

Cosa comprare: lo sgabello

Ecco cosa twitta l’Istituto Italiano di Design.

 

 

Proposto poi anche da altri utenti del social network.

 

Cosa realizzare: punta sul riciclo per lampade, bacheche e…

La bacheca.

Un’altra bacheca.

 

Il sottopentola.

 

Il tappeto.

 

Lavoretti natalizi per bambini.

 

La lampada.

 

Anche la Casa Vinicola Zonin suggerisce di “ricreare“.

 

E poi c’è il genio.

 


Per cui, la prossima volta che stappate una bottiglia di Prosecco, se non lo fate su uno sgabello all’ultimo grido, conservate almeno il tappo!

 


ASPETTA, POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

  1. Tutte le bollicine del “Vinitaly 2014″
  2. Spumante freddo e senza ghiaccio si può, con un tappo
  3. Un tappo a combinazione segreta per i gelosi delle bollicine