Fiumi di Pommery per la Juventus Campione d’Italia 2013

Fiumi di Pommery per la Juventus Campione d’Italia 2013

E’ calcio di rigore: Vidal non ci pensa due volte, si piazza sul dischetto e mette la palla in rete. Juventus-Palermo finisce 1 a 0, ed è di nuovo scudetto. E, per quanto ci riguarda, sono di nuovo bollicine. Chiuso il conto con scaramanzia, amuleti e gesti apotropaici, la Juventus di Antonio Conte è Campione d’Italia per la 29° volta: intasca la vittoria, gli applausi e l’emozione dei tifosi, scende negli spogliatoi e stappa fiumi di Pommery.

Come già lo scorso anno, la scelta dei bianconeri ricade sullo Champagne, ben evidente dalle fotografie riportate sul sito de lastampa.it. Niente bollicine nostrane, insomma. Né Prosecco, né tanto meno il più che piemontese Asti Spumante. Un tripudio di perlage d’oltralpe, con cui la formazione torinese ha innaffiato non solo la sua vittoria, ma anche cameraman e fotografi che hanno immortalato l’esultanza.

A Torino, sponda Juve, sono proprio affezionati allo Champagne. A quando l’arrivo nel calcio delle care bollicine nostrane? Aspettiamo con ansia anche sul prato verde il grande passo intrapreso dalla Superbike: magari, chissà, prima o poi vedremo una finale di Champions League sommersa dalla spuma persistente di un vino italiano.


ASPETTA, POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

  1. San Valentino 2013, le bollicine per la festa degli innamorati
  2. Pommery, lo champagne che si mette il vestito
  3. Calcio, elezioni e Pommery Lo champagne che fa brindare gli italiani